Alberto Forchielli ospite di Circo Massimo su Radio Capital

Ecco l’intervento fatto a Circo Massimo su Radio Capital condotta da Massimo Giannini

Si diverte con Crozza Forchielli?

✔️Ah beh io l’ho detto, se dovessi scegliere fra diventare Cavaliere della Repubblica, commendatore di Gregorio Magno in Vaticano, premio Nobel o l’imitazione di Crozza scelgo Crozza tutta la vita. Io sono fatto così, ho questo mio lato scherzoso e mi fa morire… anche se mi tira per il culo.

Ma un Crozza in Cina esiste? C’è la satira in Cina, o qualcosa che lontanamente si avvicina?

✔️Si c’è, ma viaggia su binari stretti, non credo abbia tanto successo…

E’ un gigantesco bluff questa polemica intorno al nostro possibile accordo con i cinesi?

✔️No è una cosa molto stupida, ossia non c’è niente di male nel firmare un accordo di cooperazione con la Cina, tutti i paesi europei hanno fatto, non c’è niente di male nell’attirare investimenti nei porti di Trieste e di Genova, i cinesi hanno il traffico e non possiamo mica bloccare il traffico noi, il tema è che i cinesi da tempo stanno cercando di imprimere attraverso la Via della Seta questo nuovo schema geopolitico e quindi tutti i paesi occidentali stanno molto attenti ad aderire formalmente a questo schema, un po’ come dire è una contro NATO, per cui i tedeschi hanno ricevuto moltissimi investimenti ma non hanno mai aderito alla Via della Seta, noi invece avendo negoziato niente, avendo ottenuto niente la prima cosa che facciamo e aderiamo alla Via della Seta, quindi lanciamo un messaggio di rottura del fronte occidentale, mentre è un momento in cui c’è un fronte occidentale molto forte, che poi comprende anche Giappone, India e Australia, per contenere questo sforzo politico e geopolitico della Cina, per cui è l’ennesimo tradimento italiano, fatto più per stupidità.

Quindi lei dice andiamoci cauti perchè appunto i cinesi hanno un disegno strategico che può essere opposto a quello che noi abbiamo seguito finora…

✔️Ce l’hanno, è certo. Infatti hanno dimostrato, in questi ultimi anni che insieme al coinvolgimento economico nei paesi occidentali viene anche un forte condizionamento politico, quindi è un momento in cui sia l’Europa, che paesi del Nord America che altri paesi stanno cercando di compattarsi per far fronte a questo. Anche perchè ci sono sotto problemi di sussidi, di dumping, di tante cose irregolari per cui investimenti va bene, dialogare va bene, firmare va bene, ma aderire a la Via della Seta irritando tutti gli altri nostri alleati no, che ormai non sanno neanche più se sono alleati con noi, capito? Lasciamo questa ombra ambigua su dove stiamo, poi per 4 lire, perchè i porti sono 4 lire.

168 gruppi cinesi che hanno investito in Italia, sicuramente questi capitali fanno anche comodo, pero cè un punto, nel 90% dei casi in cui una società è partecipata dai cinesi poi negli ultimi anni il controllo totale di queste società è inevitabilmente passato a loro. Questo è un po’ il pericolo? che ci colonizzino e si prendano il meglio che c’è dell’industria italiana?

✔️Ma guardi, il meglio che c’è lo prendono un po’ tutti: francesi, americani, tedeschi; il vero problema è che in una multinazionale americana un italiano può diventare amministratore delegato, in una società cinese un italiano diventa, se va bene, vice capo magazziniere, questo è il problema. Quello non è un mondo che ci prende, ci coinvolge e ci integra, quello è un mondo che ci prende, ci compra e ci sputa fuori, questo è il problema che io ho, e che i cinesi dovrebbero cambiare, ma finché sono così è chiaro che io preferisco, con tutti i suoi limiti, il vecchio mondo occidentale. Gli italiani in Germania o in America, riescono ad emergere, nell’accademia, nel business, nella finanza, nell’arte, in un sistema cinese no, comandano loro, ti prendono, ti usano e poi ti sputano.

Ma questo sarà il secolo cinese?

✔️Questo sarà probabilmente il secolo cinese, e non sarà un bel mondo per noi, è una battaglia quasi persa, però si possono combattere anche le battaglie perse, perchè io trovo giusto che l’occidente si compatti e cerchi di moderare questa prepotenza che viene poi da una forza vitale molto importante, perchè i cinesi sono veramente un popolo molto forte, però io auspico che ci sia un compattamento per cercar di attenuare questo impatto, che se no è pesante, ma tutti i paesi asiatici, che i cinesi li conoscono, stanno molto attenti, poi ci siamo noi pirla che non li conosciamo e sbrighiamo, siamo il prima paese occidentale a dire di volere aderire ad un disegno geopolitico cinese. Voglio dire noi con l’America abbiamo un surplus commerciale di 30 miliardi all’anno, con i cinesi abbiamo un deficit di 15, lo stesso con l’Europa molto di più, noi viviamo molto di più stando con l’Europa e gli Stati Uniti, che negoziando con la Cina, e non possiamo pensare che questo protocollo faccia si che tutto di colpo i cinesi comprino 40 miliardi di sciarpe di Dolce e Gabbana

E comprare il debito pubblico italiano potrebbe essere una possibilità per ic cinesi?

✔️Ma non esiste, primo perchè è troppo grosso anche per loto, poi loro hanno fatto sforzi per sostenere paesi, ma pesi molto più strategici di noi e che costano molto meno, il Pakistan, Sri Lanka, 60 miliardi in Venezuela e continuano a sostenere Maduro, insomma tutte le cose che i cinesi fanno sono in asse con la Russia e contro l’occidente, quindi un mondo che tutto sommato non ci fa emergere, per cui io auspico una certa cautela.

Il suo ultimo si intonava Muovete il Culo, abbiamo mosso un po’ il culo in questo ultimo anno? Come sta messa L’Italia secondo lei?

✔️L’Italia sta messa male, giù per le scale di cantina lo dico sempre, però io ho moltissimi giovani che mi hanno seguito, molti mi scrivono e mi seguono ed ho grandi soddisfazioni, io non posso cambiare l’Italia con questi libri, però se 100, 200, 1000 giovani mi seguono ho fatto giornata, io non credo che si riesca a fare del bene all’Italia con i decreti, è necessario un cambio di mentalità, nel mio piccolo se riesco a dare dei suggerimenti a questi giovani, che si ritrovano in un Paese dove per prendere voti bisogna fare quello che vogliono i vecchi, perchè l’Italia è un paese di vecchi…

Beh al Governo ci sono persone giovani, Di Maio e Salvini sono giovani…

✔️Si Si… Scimmie al volante…

Ieri ha retwittati un articolo del SCMP, stampa cinese, dove si vedeva la faccia di Conte, che dicono i cinesi? Come lo vede Conte? E’ capace di gestire questa situazione?

✔️E’ ma è questo, la Cina a tutta pagina gran foto di Di Maio e di Conte e dice l’Italia è con noi… Questo si è visto in tutto il mondo… e dai cinesi non abbiamo ottenuto niente, non c’era bisogno di aderire alla Via della Seta per i porti di Trieste e Genova.

Ma lei si fida di Conte? E’ un buon presidente del Consiglio? Riesce a fare sintesi fra Lega e 5Stelle, che hanno visioni un po’ diverse della società e dell’economia?

✔️E’ un professore di diritto, con tutto il rispetto perchè anche mio padre era professore di diritto, però parla un inglese ostentato, non ha esperienze internazionali, non sa niente di economia, dai andiamo su…

Adesso in generale, non voglio attaccare, ma veramente questo Governo da l’impressione di non sapere, la TAV, il reddito di cittadinanza, tutte queste cose qui mi danno un impressione negativa.

Ma il reddito di cittadinanza, così come è concepito, farà muovere il culo ai giovani?

✔️No, assolutamente no. I giovani si riescono a ricollocare non attraverso un navigator che gli dice qui c’è il lavoro, quando il lavoro non c’è, bisogna investire in nove skills, in nuove capacitò, bisogna andare sulla più sulla cultura tecnica e meno umanistica, bisogna studiare e imparare le robe che le imprese vogliono, ci sono enormi buchi sua ingegneri, tecnici di macchine automatiche, gli informatici che non vengono coperti perchè i giovani non studiano queste cose qui, il lavoro per i giovani si trova indirizzandoli a studiare cose ce li portino ad acquisire delle capacità utili a soddisfare il mercato del lavoro, non infilando 10000 navigator, il lavoro non si trova con un cartomante, ma insegnando ai giovani quello che devono sapere per potere lavorare nel mondo di oggi e il mondo di domani sarà ancora più complesso perchè richiederò tutta una serie di capacità che altro che navigator…

Qualche tempo fa aveva detto che bisognerebbe mettere in tutti gli aeroporti italiani l’insegna “Benvenuti in Minkiolandia”, l’Italia è sempre Minkiolandia?

✔️E’ si, è un povero paese, e questa è l’ennesima figuraccia internazionale.

E’ pessimista Forchielli?

✔️Sempre stato pessimista, molto Montanelliano, pessimista sull’Italia, ottimista sugli italiani, perchè gli italiani bene o male se la cavano, ormai emigrano, trovano lavoro, prosperano, ormai c’è una diaspora italiana in giro per il mondo fantastica, e sono milioni ormai, anche giovani bravissimi, e fra quelli che rimangono in Italia e quelli che sono all’estero da qualche anno c’è una differenza di atteggiamento, di linguaggio, di concezione del mondo che fa paura.

Rimaniamo noi i peggiori…

✔️Ehi si un po’ indietro, capito? E la cultura, il tortellino, ma anche per fare del turismo bisogna investire, fare infrastrutture, fare dei 5 stelle…

Bene, se vede Marco Polo Conte ce lo saluti…

✔️Chi? Marco Pollo? Senz’altro!

🎧👉 http://www.podcastgarden.com/episode/alberto-forchielli-ospite-di-circo-massimo-radio-capital_142141