Le conseguenze economiche del coronavirus

✔️I sistemi forti che sono in grado di mettere potenti reti di sostegno alle imprese, perchè possono spendere, usciranno ancora più forti, i paesi deboli, come il nostro, che hanno giusto gli occhi per piangere ne usciranno devastati. È una selezione darwiniana, e vale anche per le persone, per questo sono cosí contrario alla chiusura delle attività produttive e critico questi scioperi per chiudere le aziende, perchè, ragazzi, qui se si chiudono le aziende se ne peggiora la situazione; ci sono delle aziende che possono rimanere aperte anche con il 50% di fatturato, facciamole respirare, sapete cosa vuole dire chiudere un azienda? Vuole dire che perde il fatturato e ha tutti i costi sul groppone

✔️Quanto debiti lo Stato ha nei confronti delle imprese? I Dovrebbero essere pagati subito. Fanno finta di fare grandi cose con questi decreti #CuraItalia, che poi a dire la verità è PlaceboItalia, poi dopo nascondono la testa nella sabbia, ci sono crediti non pagati a 500 giorni, e hanno posticipato il pagamento delle imposte di 4 giorni, questi sono pazzi, non vogliono vedere la realtà, ne’ il Governo, ne’ i sindacati

✔️L’Europa è un bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto, dipende da come la si guarda; io ho pochissime aspettative di solidarietà europea, quindi quello che succede tutto sommato non mi dispiace, c’è chi invece ha grandi aspettative e rimane deluso. Il progetto Europeo è un progetto che prendere qualche secolo, abbiamo fatto dei passi importanti, ma pensare che ci sia un Europa solidale e compatta è una fantasia, non c’è mai stata, litigano le regioni in Italia perchè cercano di accaparrarsi più risorse possibili, lo stesso succede in Europa.

✔️Fra India e Stati Uniti, penso che sia messa peggio l’India, perchè non dovrebbe essere in grado di fare fronte a questa epidemia, infatti nessuno sa come stia andando veramente il #CoronaVirus in India, non se ne parla, ma dovrebbe essere un disastro perchè non ha le strutture sanitarie per poterlo affrontare. In America, le previsioni sono agghiaccianti, si parla di una disoccupazione al 30%, perchè tutto il settore dell’hospitality è chiuso, Burger King, McDonald’s chiusi, le catene di distribuzione chiuse, solo questi sono 13milioni di persone a casa, più tutti gli altri, quindi le previsioni sull’America sono apocalittiche, perchè vedi quello che la Cina sta insegnando, siccome sono un mese o due avanti a noi, è che una volta finito il contagio col cazzo che si riparte, non riparte niente, perchè primo c’è il terrore del contagio di ritorno, per cui non aprono, e non possono smantellare i procedimenti contro la socializzazione delle persone, rimangono le quarantene, rimane il non viaggiare e inoltre, non è che la gente ne esce bene, la gente esce fortemente traumatizzata da questa situazione

✔️Se volete una nota di ottimismo, io credo che sia una terapia che un vaccino vengano fuori prima di quello che si pensi, questa è la salvezza altrimenti tutto il 2020 e parte del 2021 saranno presi, se non arriva un vaccino o una terapia la gente non ritorna come prima, c’è anche questa aspetto psicologico da considerare, poi pizzicherà la crisi economica, per cui ci saranno meno soldi, l’azienda che non riprende, si esce dall’epidemia, ma ci si ritrova con una crisi economica

✔️I cinesi sono partiti in ritardo permettendo che centinaia di milioni di persone viaggiassero, quindi ci hanno spalmato con questo virus, è la terza volta, le prime due volte ci è andata bene, nel 99 l’aviaria e nel 2003 la Sars, siamo riusciti a contenerle, questa volta l’abbiamo presa in culo

✔️Elezioni USA: c’è chi dice che Trump cerchi di sospenderle, perchè andava sicuro per la rielezione mentre adesso se si presenta con il 30% di disoccupazione e con mercato più basso di quando é partito, hai voglia a convincere la gente che é colpa del CoronaVirus, magari la convinci ma la gente é comunque incazzata,  non é felice e quindi cerca il cambio, cosa che non era ipotizzabile prima, adesso le possibilità per Trump si stanno assottigliando

✔️Conte gioca a rubamazzo con le regioni, le regioni dicono una cosa e lui cerca di fare qualcosina di più, fa un provvedimento il lunedì e poi subito un altro il mercoledì, senza aspettare di vedere se quello di lunedì ha funzionato, a me sembra un gestire la crisi a singhiozzo; e poi intendiamoci, questa esplosione di casi che c’è in Italia non può essere solo sfiga, un po’ di imperizia a Roma, nelle regioni e negli ospedali ci deve essere stata, non può essere solo sfiga, siamo stati anche un po’ pirla, questi decreti che sono usciti prima e la gente che ha preso su ed è andata al sud, le manovre restrittive prima no poi so poi no, insomma io tutta questa ammirazione di Conte non ce l’ho, credo che sia un bravo Cristo pero’… Alino, adesso sarebbe il momento di Draghi, capito, qui bisogna fare una rete di sostegno per le imprese, le imprese senza fatturato chiudono, bisogna stendere una rete di protezione per le imprese italiane e dare un 150/300 miliardi, una roba del genere potrebbe implicare gli Eurobond. C’è solo una persona in Italia che io conosca che possa avere la credibilità di portare avanti un discorso di questo genere e si chiama Mario Draghi, punto e basta. Corriamo il rischio che alla fine di questa vicenda il 50%, se vai bene, delle imprese italiane è chiuso. Adesso si sciopera per fare chiudere le aziende, poi fra sei mesi si sciopererà perchè le aziende sono chiuse davvero, e non riaprono

Il mio intervento di oggi durante la puntata di Uno, nessuno, 100Milan – Radio 24 condotta da Alessandro Milan su Radio 24 👇

http://www.podcastgarden.com/episode/alberto-forchielli-a-uno-nessuno-100milan_154709